La storia

L’associazione Donne per la Solidarietà è nata nel settembre del 2004 dall’incontro di donne accomunate da un medesimo scopo: incidere su realtà locali segnate dalla povertà, avviando processi di sviluppo
sostenibile attraverso attività produttive sostenibili e rispettose del contesto socio-culturale.

Donne per la Solidarietà ha come scopo la solidarietà sociale e la promozione di esperienze di economia solidale ed inclusiva. Sostiene l’empowerment e l’autodeterminazione delle donne attraverso i progetti di formazione al lavoro.

Siamo impegnate nella diffusione dei temi legati all’ambiente, ai beni comuni ad una cultura di giustizia
ed equità sociale, potenziando la partecipazione attiva della società civile anche attraverso la
condivisione concreta dei progetti.

Lavoriamo alla costruzione di reti di cooperazione per sostenere i progetti internazionali. Nella rete
italiana sono stati coinvolti cittadini, Istituzioni e associazioni (Regione Lazio, Università Roma Tre, Fondazione San Zeno, Provincia di Ascoli Piceno, Coordinamento Palazzo Monti, ANCeSCAO-Coordinam. Prov. di Ascoli, gruppi di sostegno nel Piceno e nel Reatino, l’Altraregione e l’Equorete del Lazio, la Tavola Valdese).

Con l’omonima associazione partner, Mujeres por la Solidaridad, operiamo in Bolivia per la realizzazione
di progetti di sviluppo umano, valorizzando la formazione e la creazione di opportunità di lavoro, coinvolgendo diverse Istituzioni come il Sedag (Servicio Departamental de Agropecuaria), il Plan de Desarrollo Indigena, il Territorio Comunitario de Origen Turubò Este e le scuole del territorio. Altri partenariati permettono la collaborazione in altri paesi dell’America Latina.

Nel 2008 siamo diventate una onlus.